Elezioni COA Cosenza 2019 – Il PROGRAMMA della lista DIGNITA’ FORENSE

Elezioni Ordine avvocati Cosenza 2019

Lista Dignità forense – Insieme per il rinnovamento

PROGRAMMA DI LISTA PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO DELL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI COSENZA ANNI 2019-2022

I candidati della lista DIGNITA’ FORENSE appoggiata dal Sindacato Avvocati Calabria per le elezioni COA Cosenza quadriennio 2019-22, in caso di vittoria, si impegnano a promuovere gli interessi di tutti i Colleghi, avviando iniziative volte:
1 – alla salvaguardia e riconsiderazione del ruolo e della funzione dell’avvocato nei rapporti con la magistratura, gli uffici di cancelleria e gli altri colleghi;
2 – ad assicurare il corretto funzionamento degli organismi di controllo paritari avvocati-magistrati con eventuale costituzione di nuovi, più snelli ed immediati strumenti, diretti alla risoluzione in forma congiunta e paritetica dei noti problemi relativi, ad esempio, allo svolgimento delle udienze civili, penali e presidenziali – anche con la redazione di protocolli d’intesa o con la istituzione di apposite sezioni dedicate a particolari e più delicate materie; ossia con la rimozione di alcune criticità presenti in particolari cancellerie del Tribunale; ed infine alla equiparazione delle liquidazioni dei compensi che in ogni caso dovranno essere giusti, equi e dignitosi;
3 – a razionalizzare la spesa del Consiglio allo scopo di fornire, anche gratuitamente, agli iscritti, strumenti tecnici necessari all’esercizio della professione, nonché incentivi ai giovani avvocati per la partecipazione ai corsi di formazione;
4 – ad assicurare la liquidazione in tempi certi e celeri dei compensi per patrocini a spese dello Stato;
5 – ad avviare una formazione qualificata e gratuita per gli iscritti.

I punti programmatici che i candidati del Sindacato Avvocati Calabria si prefiggono di realizzare, quindi, sono i seguenti:

1) Impegno alla riduzione delle quote per tutti gli iscritti, ovvero, garantire con la medesima quota annuale, servizi migliori, soprattutto per giovani e Colleghi a basso reddito.
2) Dotazione a tutti di un software PCT gratuito o a basso costo e/o di programmi per la fatturazione elettronica e relativa conservazione gratuita a carico (anche parziale – o solo per i meno abbienti) del COA.
3) Organizzazione corsi di formazione gratuiti per spiegare l’uso delle risorse gratuite e dei software open-source già presenti sul mercato per il PCT, PAT e PTT (IN PARTE GIA’ REALIZZATO).
4) Fornitura gratuita per tutti i Colleghi penalisti di una piattaforma di accesso ai fascicoli penali personali ‘da remoto’ (quindi dallo studio) con facoltà di estrazione copia senza recarsi in cancelleria – in sostituzione all’attuale sistema che consente l’accesso ai fascicoli esclusivamente dai PC della cancelleria.
5) Rilevazione delle criticità evidenziate da ogni singole cancellerie nella accettazione delle buste PCT, al fine di redigere un vademecum completo che aiuti ogni iscritto al corretto deposito di ogni singolo atto telematico.
6) Tempestiva pubblicazione dei verbali assembleari, delle riunioni delle Commissioni e del COA (GIA’ REALIZZATO)
7) Adozione di un Regolamento di disciplina delle sedute del COA.
8) Adozione di un Regolamento con linee guida per la costituzione ed il funzionamento delle Commissioni con stanziamenti economici per l’organizzazione di eventi formativi particolarmente rilevanti gestibili dalle singole commissioni;
9) Adozione, di concerto con gli interlocutori istituzionali, dei c.d. protocolli (best practice) di Tribunale, per ‘Separazioni e divorzi’, ‘Disciplina udienze civili’, ‘Processo civile e penale telematico’, ‘Liquidazione Gratuiti’ (anche per risolvere la problematica relativa alla mancata liquidazione dei GP penali nelle fasi preliminari ed intermedie);
10) Istituzione di un baby parking aperto a chiunque sia costretto a collaborare con il Tribunale (figli di colleghi e magistrati, dipendenti, addetti ai servizi di tribunale, testimoni, CTU, ecc)
11) Istituzione di un Organismo interno per la composizione della crisi, aperto a tutti gli iscritti in possesso delle relative abilitazioni e non solo a chi ha seguito i corsi abilitativi promossi dal COA.
12) Istituzione di uno Sportello informativo per gli iscritti al Foro in ordine alla Cassa forense
13) Adozione di uno strumento informatico di gestione e affidamento di tutti gli incarichi gestiti dal COA (mediazioni, arbitrati, organismi composizione di crisi – ma anche fallimenti, domiciliazioni e short list Enti pubblici)
14) Costituzione di un fondo permanente di assistenza per i colleghi in difficoltà o colpiti da infortunio/malattia, con raccolte volontarie anche a mezzo 8×1000
15) Previsione di un giusto compenso per i mediatori anche in caso di mediazione conclusa negativamente
16) Realizzazione di una rete wi-fi sull’intera area del Palazzo di Giustizia con punti di accesso PCT, PAT e PTT aperti a tutti.

Questa è la nostra ‘ricetta’ per continuare a Rinnovare:
elezioni coa cosenza 2019

Ecco i volti dei nostri candidati:
elezioni coa cosenza 2019

UA-89988627-1